Giusy Accordino

Le stelle sono uno di quegli elementi naturali che ha da sempre affascinato ed emozionato gli esseri umani. Non per niente, su di esse sono state formulate religioni, credenze, miti e leggende. Ma anche poesie, infatti il fascino della volta celeste ha ispirato i poeti di ogni tempo e luogo, come Dante, Leopardi, Pascoli e Ungaretti, che non hanno potuto resistere all’incanto luminoso di cui il cielo notturno si trapunta. Gli astri sono il luogo dove il cuore deve gettare l’ancora, essi sono simbolo di purezza, di luce e quest’ultima è il modo in cui Dante rappresenta Dio stesso. In questi giorni, il poeta Rosario La Greca di Brolo (Messina), ha promosso la realizzazione di un video, dove è possibile ascoltare la poesia: ”Guardando le stelle…”, dedicata proprio agli astri celesti, di cui ha composto il testo. La poesia è stata declamata dalla splendida voce di Francesco Destro di Padova, la musica è di Giusy Accordino di Brolo, giovane compositrice, nipote dell’autore. Un’opera che nasce dall’unione di due passioni. La poesia dello zio e la musica della nipote. Due passioni che a sentirne parlare sembra si tratti di due argomenti molto diversi, ma in realtà hanno tanti legami in comune: la musica è una forma di poesia e viceversa, entrambe hanno la capacità di unire e di suscitare emozioni a chi le ascolta.

ARTICOLI DI STAMPA

 438 Visite Totali,  1 Visitatori di Oggi