Il 12 Gennaio 2023, a soli 59 anni, è salito al cielo tra le braccia del Signore, Fratel Biagio, il missionario laico di Palermo, fondatore della “Missione di Speranza e Carità”. La storia di Biagio Conte ricorda molto, a secoli di distanza, la straordinaria vicenda umana e spirituale di San Francesco d’Assisi. Come fosse un santo laico, ha pronunciato i voti di povertà, castità e obbedienza senza entrare in alcun ordine religioso e si è messo in cammino, vestito di un saio e un bastone, senza cellulare, né tv, né mezzi di comunicazione “moderni”. Nato da una famiglia benestante, da ragazzo vive negli agi e nella spensieratezza tipica di molti giovani della sua generazione, cresciuti nel benessere della società consumistica. Le ingiustizie a cui assiste ogni giorno, il vuoto esistenziale, l’assenza di valori, fanno precipitare Biagio in una crisi di coscienza sempre più acuta, così trovando condizioni di disagio sociale e povertà a Palermo, e, invece di partire per l’Africa, dove aveva deciso di andare in missione, sceglie di rimboccarsi le maniche per assistere i poveri e gli emarginati della città siciliana, persone in condizione di disagio sociale, migranti, ex-detenuti, prostitute. Nasce così la “sua” missione, sulla strada, sotto i portici della Stazione Centrale di Palermo, tra i vagoni usati come ricovero da vagabondi, alcolisti, migranti. La “Missione di Speranza e Carità”: un “progetto di Dio sconvolgente – lo definisce Fratel Biagio – che a distanza di trent’anni dal suo nascere ha coinvolto e continua a coinvolgere uomini e donne di ogni ceto sociale”. Oggi, la Missione con i suoi numerosi centri a Palermo e in Sicilia, continua a offrire accoglienza e futuro a centinaia di persone in difficoltà, senza fissa dimora, migranti, donne singole, mamme con bambini e anziani. Il poeta Rosario La Greca di Brolo (Messina), legato da fraterna e sincera amicizia con Fratel Biagio, sin dagli inizi dell’anno 2000, ha promosso la realizzazione del canto “Dal tuo umile cuore è nata la speranza”, di cui ha composto il testo. È un segno di omaggio e riconoscenza per Fratel Biagio, che ha speso la sua vita con un impegno costante, quotidiano, instancabile, a favore dei poveri, degli ultimi, degli indifesi, che nella “Missione di Speranza e Carità”, da lui fondata, sono chiamati fratelli e sorelle senza alcuna distinzione, assistiti e ospitati in gratuità. La parte musicale è stata curata dal M° Daniele Falasca di Roseto degli Abruzzi (Teramo), pianista, fisarmonicista, compositore e direttore d’orchestra, una carriera di musicista brillante, ininterrotta, a tutto tondo: concerti, composizioni, didattica, collaborazioni con artisti di fama internazionale. Il brano è stato interpretato con grande maestria dal soprano Fiorella Barnabei di Roseto degli Abruzzi (Teramo). Una collaborazione vincente quella tra il M° Daniele Falasca, la cantante rosetana e il poeta brolese, con al suo attivo l’incisione di numerosi brani, che hanno ricevuto tantissimi apprezzamenti di pubblico e di critica. Il video con il canto è stato realizzato da Alba Terranova di Messina.

ARTICOLI DI STAMPA

 1,387 Visite Totali,  1 Visitatori di Oggi